Geroprotezione a tutto campo

geroprotezione

Geroprotezione a tutto campo

Dai laboratori internazionali continuano ad emergere sempre più sostanze dotate di caratteristiche geroprottetrici e/o senolitiche, fra le più interessanti segnaliamo le catechine contenute nelle foglie e nei fiori del té verde.

Ma cos’è la geroprotezione?

Si definisce “geroprotettore” (dall’inglese geroprotector) una sostanza capace di proteggere l’organismo dai processi degenerativi tipici dell’invecchiamento..

Gli effetti delle (EGCG) catechine del tè verde sono associati a una riduzione della mortalità per tutte le cause, comprese le cardiopatie e il cancro come ha dimostra lo studio prospettico osservazionale di 15 anni su 164.681 persone pubblicato su European Journal Epidemiology nel 2016. 

La rivista EJE, nota per l’elevato IF, si occupa dal 1985 di salute pubblica, medicina preventiva, medicina clinica, economia sanitaria e biologia computazionale, scienza dei dati applicata alla salute e alle malattie.

Il consumo di tè verde è particolarmente prezioso per il contenuto di catechine e soprattutto per l’alta concentrazione di epigallocatechina gallato (EGCG), le cui proprietà biologiche dell’EGCG sul corpo umano sono rese evidenti anche da altri grandi studi epidemiologici.

L’assunzione giornaliera di 5 tazze/giorno di foglie di tè verde, di buona qualità, fornisce circa 250 mg/giorno di catechine. 

Poiché l’EGCG forma circa il 40% delle catechine totali, si ottengono circa 100 mg di EGCG dalla stessa quantità di bevanda.

Nel nuovo integratore MYTHELOR, alla dose consigliata di 2 cps al giorno, troviamo diversi polifenoli tra cui ben 100 mg di estratto di Té verde con una concentrazione di EGCG  del 95%. 

L’ EGCG è un flavonolo molto maneggevole e ben tollerato con azione antiossidante, proprietà anti-cancro e anti-diabetiche. Il tè verde diminuisce infatti la resistenza insulinica e ha effetti anti-invecchiamento caratteristici della restrizione calorica. on solo: l’ EGCG influenza la dimensione, la granularità e la fluorescenza dei fibroblasti riportandoli a una condizione pre-senescenza.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa
×