Come nasce un integratore della Mytho?

come-nasce-integratore

Come nasce un integratore della Mytho?

Vi siete mai chiesti come nasce un integratore?

Vivere a lungo e in salute è sempre stata l’esigenza primaria dell’essere umano. La cura, spesso anche la sconfitta delle malattie più importanti, si deve alla scoperta di nuovi farmaci. Ma questo è un processo lungo, complesso e costoso, non privo di rischi economici per l’industria farmaceutica. Oltretutto, ai benefici dei farmaci, talvolta si contrappongono importanti effetti collaterali che ne limitano l’uso sfiduciando sia i medici che i pazienti. Per questo motivo negli ultimi anni ha avuto notevole successo il mercato degli integratori alimentari, la cui composizione si rifà generalmente a sostanze naturali, più sicure e ben tollerate, in alcuni casi addirittura più efficaci rispetto ai farmaci veri e propri.

Rispondere a questa domanda non è per nulla semplice. Per la MYTHO, la progettazione di un nuovo integratore alimentare deve soddisfare le esigenze di marketing e contemporaneamente aderire alla vera mission dell’azienda: mettere in commercio prodotti utili a contrastare le principali patologie croniche del mondo occidentale, migliorare la salute e le performance fisiche degli atleti, aiutare le persone a raggiungere un maggiore equilibrio fisico, estetico e mentale.

Come nascono in nostri integratori?

Le principali domande che ci facciamo quando pensiamo a un nuovo integratore sono:

1- C’è una richiesta di mercato rispetto a un determinato problema di salute che ci sta a cuore?

2- Quali e quanti progetti sono già stati fatti rispetto a quel bisogno?

3- Come possiamo rispondere al meglio a quel determinato problema? 

Per esempio, quando abbiamo progettato il MYTHOXAN HD, pensavamo di realizzare un integratore per la sarcopenia (perdita muscolare) che riguarda gli anziani, i malati di cancro e i pazienti affetti da patologie croniche.

La ricerca nei database internazionali, gli studi condotti in vitro, in vivo e l’esperienza clinica internazionale ci consigliavano di costruire una formula capace di incidere sulla sintesi di albumina, sull’infiammazione e sull’eccesso dei radicali liberi presente in quelle condizioni.

La progettazione doveva avere al centro il paziente e soddisfare una necessità medica estremamente importante. Una volta elaborata la formula dovevamo individuare il produttore, reperire le materie prime, trovare la forma più adatta e dare il via alla fase industriale.

Si può comunque partire da una buona idea ma non sempre è possibile mettere insieme sostanze diverse. Per scoprirlo bisogna studiare la miscela, fare studi di stabilità mettendo il prodotto in condizioni di umidità e temperatura estreme. Superati tutti questi passaggi, il nuovo integratore viene finalmente registrato e, una volta preparate le grafiche e studiato il marketing, messo in commercio.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa
×