Invecchiamento cellulare: meglio un invecchiamento super o un super invecchiamento?

invecchiamento-cellulare

Invecchiamento cellulare: meglio un invecchiamento super o un super invecchiamento?

Oggi parliamo di uno degli argomenti che stanno più a cuore alla Mytho: l’invecchiamento cellulare!


Una delle cause dell’invecchiamento cellulare è legato all’accumulo di cellule senescenti negli organi e nei tessuti del nostro corpo.


I ricercatori giapponesi, dell’Università di Kobe, hanno scoperto che un enzima promuove la senescenza cellulare producendo un eccesso di specie reattive dell’ossigeno, i cosiddetti ROS.

La scoperta è stata riportata lo scorso anno su “Life Science Alliance”, una rivista scientifica creata da una partnership di altissimo livello tra EMBO Press e Rockefeller University Press.

Mantenere una buona salute nella vecchiaia è un problema urgente, in particolare nelle società con un “super-invecchiamento” della popolazione come la nostra. Un enzima chiamato d-aminoacid oxidase (DAO) promuoverebbe la de-aminazione degli amminoacidi, ossidandoli e trasformandoli in altri sottoprodotti fra cui le specie reattive dell’ossigeno (ROS). Si è visto che riducendo il DAO viene ridotta anche la produzione di ROS e rallentata la senescenza cellulare. I ROS svolgono sicuramente un ruolo fondamentale nell’invecchiamento cellulare e nella comparsa di alcune malattie neurodegenerative come l’Alzheimer e il Parkinson ma anche di tumori, diabete e aterosclerosi.


Attenzione! Come sempre è questione di equilibri: i ROS hanno azioni benefiche sul sistema immunitario e se una loro sovrapproduzione ha un effetto negativo, una completa inibizione avrebbe effetti negativi per cui sarebbe meglio non eccedere in senso inverso.


Gli aminoacidi contenuti nella linea di prodotti MYTHOXAN attivano la mitocondriogenesi, rallentano l’invecchiamento, stimolano l’autofagia e l’apoptosi delle cellule senescenti. Favoriscono la sintesi di nuove proteine e l’equilibrio dei sistemi ossidativi agendo in concerto fra loro.


L’associazione fra aminoacidi essenziali e alcune sostanze naturali con azione senolitica (anti invecchiamento) può contribuire a ridurre lo stato di microinfiammatorio presente in tutte le patologie croniche, migliorare la produzione di energia e rallentare la progressione della malattia.

La ricerca medica degli ultimi anni ha impegnato ingenti risorse nella scoperta di farmaci e sostanze naturali che possano condurci sulla strada di una longevità sana senza effetti collaterali.
Anche noi abbiamo idee e progetti in tal senso, fra qualche settimana pensiamo di condividerle con voi. 

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa
×